Tiramisù non è solo il nome di un dolce...come gestire i bisogni del vostro cane.  Corso rapido by Dogg Star.

Tiramisù non è solo il nome di un dolce...come gestire i bisogni del vostro cane. Corso rapido by Dogg Star.

Un argomento questo che non meriterebbe nemmeno di essere trattato visto che basterebbe quel minimo di buon senso ma dato quello che si vede spesso in giro per le nostre città sarà bene ricordare un paio di punti fondamentali. 

Ci scusiamo con la maggioranza di voi che certe cose non solo le conoscono ma le praticano ancora meglio di quanto riportato qui sotto ma credeteci quando vi diciamo che ci arrivano diverse segnalazioni di comportamenti incivili.

1) Sacchetti. Non si esce senza sacchetti…non si esce senza sacchetti…non sappiamo come dirvelo in altro modo. Assicuratevi di avere sempre i sacchetti per le deiezioni sempre con voi quando uscite in passeggiata. Se vicino a casa vostra hanno messo un distributore gratuito di sacchetti cercate di passare per quel punto durante le vostre passeggiate in modo tale da avere sempre un piano B in caso finiste i sacchetti.

 

2) Biodegradabile è meglio. La plastica in commercio impiega dai 20 ai 1000 anni per decomporsi. Meglio utilizzare un sacchetto in materiale biodegradabile. Se quello che raccogliete puzza già adesso vi lasciamo immaginare come potrebbe essere dopo 30 anni di fermentazione in un ambiente stagno. E tranquilli…non vi sporcherete le mani con i sacchetti BIO.

 

3) Non fate finta di non vedere. Non ci crede nessuno! La bella ragazza che fa jogging non vi sfugge allo sguardo vero? E nemmeno il messaggio sul telefonino del fustacchione della palestra!!! Però chissà come mai la cacca del vostro cane non l’avete vista…dai su! Non raccontiamoci delle favole.

4) Tecnica. Per una corretta raccolta..aprire il sacchetto (meglio se BIO), infilarci una mano dentro, chinarsi sulla preda, agguantare il tutto, (in campana che qui viene il difficile) con l’ausilio dell’altra mano rivoltare il sacchetto, chiudere la preda dentro la busta/shopper/sporta che dir si voglia, alzarsi con calma per evitare  svarioni, prendersi qualche secondo prezioso per orientarsi nella jungla urbana, complimentarsi con il cane per la produzione da campione (l'autostima gioca sempre il ruolo fondamentale).

5) Cestini.  Buttate il vostro malloppo negli appositi cestini (ce ne sono in tutte le città ormai). Second best: portatelo a casa e gestitelo come consigliato dal vostro comune. Alla malaparata buttatelo in un cestino pubblico dell’indifferenziata (ma seguite le indicazioni comunali perché possono cambiare). Non vanno lasciati mai e poi mai in giro su marciapiedi o muretti. Per essere chiari non dovete solo raccogliere la cacca ma anche gestirla gettandola in un apposito contenitore. Non dovrebbe essere un concetto troppo difficile da capire eppure…

6) Fuori dalle città? Ebbene sì tutto questo discorso vale anche se siete fuori città magari in qualche sentiero di montagna o in un argine. 

7) Nel water? Alcune amministrazioni comunali americane consigliano di eliminare le deiezioni direttamente nel water. Ve lo riportiamo come consiglio-curiosità nel caso vogliate provarci. Ovviamente non potete buttare il sacchetto dentro il water e tirare l’acqua a meno che non vogliate intasare tutto. Una volta tornati a casa dovrete per tanto travasare il vostro malloppo dentro il water e solo allora potrete godervi la merita fontana liberatrice. 

 

Ricordatevi sempre che il comportamento poco civile di pochi può tradursi in problemi per tutti.

 

Dogg Star è una pasticceria per cani specializzata in prodotti personalizzati, torte per tutte le occasioni, drink vitaminici, biscotti della fortuna e  tanto altro ancora.

 

www.doggstar.it 

Back to blog

Leave a comment